Amiamo la nostra Vocazione!

1° Puntata: Viene direttamente da Dio …

“Come il Padre ha amato me, così io amo voi” siamo molto molto lontani dal capirlo, nonostante abbiamo studiato la Teologia. Chi è il Padre? L’Eterno Amore, tutto Onnipotente, infinita Sapienza, e Misericordia e dopo siamo ancora all’ABC, perché cosa vuol dire amare? Noi tante volte diciamo di amare e invece sfruttiamo. Dio non ha assolutamente bisogno di noi, amare per Lui è solo donarsi senza tenersi niente; lo vediamo nel dono che fa a Gesù. Gesù si dona tutto al Padre e questo dono totale è lo Spirito Santo. Se riuscissimo a capire questo Amore, riusciremmo a capire Gesù che dice come sono amato dal Padre, Io amo voi. Quanto siamo amati? Gesù per conferma dice “Come il Padre ha mandato me, così Io mando voi”, che grande la nostra Vocazione, Gesù ci uguaglia a Sé. Come possiamo farcela? Maria non poterva fare niente, si abbandona dicendo il suo Eccomi. Ecco la strada da seguire. Chi ci ascolta sente l’amore di Dio? “Chi ascolta voi, ascolta me”, questa affermazione si realizza oggi? Purtroppo tanti si allontanano, perché pochi sanno entusiasmare. Chi vive la fede in profondità la sa trasmettere. Tante volte si vedono volti tristi, arrabbiati, e chi si può avvicinare? Anche il nostro volto deve essere come quello di Gesù. Se fosse così avremmo tante Vocazioni ancora oggi.

01. Amiamo la nostra Vocazione!
Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

2° Puntata: Segni visibili del Cielo sulla terra

“Voi siete la luce del mondo”, quante volte ci sembra che la luce del mondo abbagli di più i giovani, e questo ci fa pensare che parlano meglio di noi , in quanto nuotano nel fango e fanno credere che è profumo. Ma quanto dura? Si arriva alla schiavitù. Allora mi domando: faccio vedere che Dio è la mia felicità? Perché tante volte si fa fatica a portare l’abito sacro? Forse perché si ha paura di farci vedere per quello che siamo, perché ci impegna di più? Un sacerdote che ho conosciuto ed era sempre disponibile, lo vedevi felice, vedevi che pregava ed era una calamita. Un esempio che faceva sì che fosse ascoltato. “Voi siete il sale della terra”, i cibi insipidi non fanno gola. Siamo indispensabili per essere uomini, com ela remissione dei peccati è indispensabile per non soccombere. Se siamo innamorati, se abbiamo il volto sereno, anche religiosi senza ordini, portiamo i fedeli a Cristo. Oggi alla Chiesa mancano i santi! Allora per colmare i vuoti si va in cerca di titoli di studio, che non ci deve far pensare di essere apostoli, perché sappiamo due righe più del libro, lo studio è giusto ce lo chiede la Chiesa ma ci deve infiammare il cuore, dunque essere studio contemplativo. Studio e Chiesa allora ci rivela l’Essere divino che è il Tutto, rivela poi la tua tua grandezza di essere profeta di Dio che si dona. Lo studio per lo studio ci lascia vuoti e ci fa cercare il piacere degli occhi, dei sensi e ci schiavizza. Gesù sceglie la Vocazione sacerdotale, è perciò dono carismatico che rende partecipi della vita divina gustata, conosciuta, donata. La preghiera non è dovere, ma diritto per sapere chi è e trasformarci in Parola di Dio.

02. Amiamo la nostra Vocazione!
Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

3° Puntata: Il dono carismatico del celibato

Tante volte mi sono sentito dire che per essere religioso devo fare delle rinuncie. Subito ho detto se Dio che è pienezza nel mistero Trinitario, può chiedere a me di rinunciare? Chi ama dona il più possibile, non può fare diversamente. Il Sacerdote è chiamato al celibato, allora fa una rinuncia? Non è bestemmia, Gesù perfetto Dio e perfetto uomo, se fosse così avrebbe dovuto sposarsi. I Voti non sono rinuncia è invece una chiamata alla pienezza. Se camminiamo lontani dalla Fonte, allora si giustifica tutto e ci pesa tutto e ci si accontenta di bere anche dalle pozzanghere del peccato e del piacere. Se mi attacco alla Fonte che è Dio, non mi mancherà nulla. Certo il Signore non mi schiavizza delle cose che devo lasciare come la bella figura, la macchina, la cultura, la soddisfazione impura, … non è la donna che mi soddisfa. Se preghiamo e diciamo il Breviario bene in Chiesa senza il cellulare, conosciamo Dio, lo possediamo. Se facciamo l’esperienza di Dio non ci sorprende nulla, non ci distacca nulla da Lui, ma vogliamo trasmetterlo a tutti. La Vocazione è divina, viviamola in profondità! Basta stare lontani dalla Fonte, basta essere di scandalo, portando le anime alla deriva, basta cacciare la gente dalla Chiesa. Quello che predichiamo lo viviamo? Altrimenti si perde la fede, non possiamo fare lezioni, dobbiamo mostrare il Vangelo vissuto. Abbiamo il bisogno d’amare? Di far vedere chi siamo? O giochiamo al camaleonte? Come il Padre ha amato me, così Io amo voi; perché ciò che ho ricevuto lo dono a te. Maria Santissima è un sì totale al Mistero conoscitivo e redentivo dell’Incarnazione, eppure ha dato la sua disponibilità allo Spirito Santo: l’Eccomi di un’innamorata.

03. Amiamo la nostra Vocazione!
Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

a cura di : Padre Giglio Maria Gilioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *